CUCI UNA MASCHERINA

Tutte le informazioni sui differenti modelli di mascherina mettono in evidenza l´importanza di coprire naso, bocca e mento e di farle aderire il più possibile al viso, pur restando confortevoli. Alcune hanno un ferro nasale che aiuta ad adattare la mascherina alla forma del naso per farla aderire meglio al viso. Se la maschera non copre bene il viso è di poco aiuto.

Il tipo che ti proponiamo è un adattamento del modello essener, reso pubblico dai vigili del fuoco di Essen, in Germania. In seguito alle crescenti richieste sui social, sia di persone che le volevano cucire, sia di organizzazioni che ne avevano bisogno, Lisa ha sentito il bisogno di creare un proprio modello che fosse ugualmente efficace ma molto facile e veloce da cucire, adatto a chiunque abbia anche solo delle conoscenze basiche nell’utilizzo della macchina da cucire. Puoi leggere sia le istruzioni riportate sotto o guardare il video sopra.
Abbiamo scelto questo modello rispetto ad altri perchè utilizza dei lacci per legare la mascherina invece che degli elastici, questo permette di adattarlo alle diverse dimensioni della testa e lo rende più durevole, in quanto l’elastico tende ad allentarsi quando viene lavato spesso ad alte temperature. Inoltre gli elastici sono più difficili da adattare alle disparate misure delle teste e possono far male alle orecchie se sono troppo tirati.

MATERIALI

Secondo questo studio riguardante quali siano i materiali/stoffe più adatti a questo scopo, la stoffa delle t-shirt di cotone al 100% risulta essere del 50% migliore rispetto agli altri materiali testati. Altre fonti suggeriscono di usare stoffe non elastiche più pesanti tipo il denim dei jeans.

Ciò detto è anche importante considerare quali tessuti riusciamo a reperire più facilmente, in ogni caso il cotone è la stoffa più appropriata, sia essa rigida o elastica (il denim va bene pure, visto che è anche fatto di cotone), perchè è anche traspirante. Il poliestere o altre stoffe poco traspiranti sono inadatte perchè trattengono troppo il vapore prodotto dal respiro.

Noi, ad esempio, stiamo lavorando prevalentemente con materiali riciclati e in minima parte con stoffe nuove. Indipendentemente dall’origine della stoffa, è MOLTO IMPORTANTE lavarla a 90° in lavatrice prima di cominciare con la produzione, dopo aver finito di cucirla e dopo ogni utilizzo (qui troverai maggiori informazioni su come usarle e lavarle).

Se vuoi riciclare della stoffa (cosa che noi incoraggiamo!) assicurati che sia pulita e in buono stato. Tessuti rovinati o sporchi non sono protettivi.

Puoi anche far bollire la mascherina in una pentola riempita d’acqua per almeno 5 minuti se vuoi evitare di fare un lavaggio a 90° solo per una mascherina (se proprio vuoi usare la lavatrice, lava assieme le tue lenzuola e asciugamani!). Non siamo ancora riuscite a trovare degli studi definitivi sul metodo più efficace per disinfettare le mascherine, quindi saremmo grate a chiunque possa inviarci delle informazioni scientifiche affidabili in questo proposito.

FILTRI

Il nostro modello è stato sviluppato in modo da avere un’apertura su lato superiore, tra i due strati di stoffa, così da potervi inserire un filtro.

Esistono diversi materiali da usare come filtro, a partire da prodotti specifici fino ad alternative fai da te come fazzoletti di carta e filtri da caffè di carta (tipo caffè americano, ndt).

Secondo alcuni studi chiunque può realizzare un filtro inserendo un fazzoletto di carta tra due pezzi di carta da cucina. E’ importante tagliarli della grandezza della tasca della mascherina, altrimenti non saranno efficaci (K. Kwon, HK Masks)

E ORA CUCIAMO!

Se vuoi cucire delle mascherine per altre persone, per motivi igienici indossane una tu stesso e chiedi a coloro che le riceveranno di lavarle prima dell’utilizzo.

Materiali

  • 100% cotone:

    • lenzuola, copriletto, copricuscini sono perfetti
    • fai una prova-respiro con la stoffa: piega in due il tessuto, premilo sul viso e controlla se riesci a respirare normalmente – se la trama del tessuto è troppo spessa o fitta e hai difficoltà a respirare, non usarlo
  • ferro nasale:

    • controlla che il materiale non produca ruggine facendolo bollire con la stoffa. Se si arrugginisce non usarlo
    • filo di ferro zincato, rivestito di plastica, per il fai da te, o giardinaggio, va bene anche di rame(tipo per bigiotteria)
    • deve essere facile da piegare e mantenere la forma
    • Stoffa delle T-shirt per i lacci (jersey o maglina, ndt):
      • non deve essere necessariamente cotone al 100%, può anche essere mista
      • se non hai una t-shirt da tagliare, puoi anche ritagliare i lacci dalla stessa stoffa di cotone della mascherina, ma dovrai cucirli ripiegandoli internamente per non farli sfrangiare.
    • Forbici
    • Macchina da cucire e ferro da stiro:
  • (il ferro da stiro potrà facilitare il lavoro per cucire gli orli, ma non è strettamente necessario, ndt)
  • se non hai la macchina da cucire puoi improvvisare usando la tua creatività. Alcuni miei conoscenti si sono cuciti le mascherine a mano. Quindi se vuoi cucire a tutti costi una mascherina puoi armarti di ago e filo e cucire usando un semplice punto “indietro” (come nel ricamo).

PREPARAZIONE:

  • lava la tua stoffa di cotone 100% a 90° :

    • la stoffa potrebbe ritirarsi o stingersi, perciò è meglio lavarla prima
    • anche per la tua sicurezza è meglio lavarla prima, specialmente se è usata

1. taglia un rettangolo di 22 x 40 cm (per una mascherina piccola)

  • il cotone è facile da strappare, per cui per velocità puoi fare un taglietto sul lato e strappare il resto
  • se hai bisogno di altre dimensioni puoi variare le misure di circa 3-5 cm in entrambe le direzioni per vedere quale sia la grandezza adatta a te. Se alla fine la mascherina risulta troppo grande o troppo piccola puoi anche farne dono a qualcun altro

2. Regola il ferro da stiro alla temperatura per il cotone e attiva il vapore

  • se non hai il ferro da stiro puoi premere il cotone con le dita e fissarlo con degli spillini
  • se non fa il vapore puoi usare una bottiglia con spruzzino per inumidire il tessuto con acqua

**abbiamo segnato la stoffa stirandola per facilitare la cucitura, ma dopo aver cucito un po´di mascherine probabilmente potrai saltare questo passaggio

3. fai una piega di 0,5 cm sui lati da 22cm e stirala

4. ripiega di nuovo, stavolta a 1 cm, e stira

5. piega a metà l’intera stoffa facendo combaciare i due lati piegati prima, stira la nuova piega

6. piega i due lati restanti di 1,5cm e stirali

CUCIRE:

7. apri il rettangolo, cuci ciascuno degli orli da 1 cm già piegati e stirati, in modo che il lato del taglio vivo finisca all’interno dell’orlo e non si sfrangi

  • cucire a zig-zag aiuta a prevenire che la stoffa si sfrangi

8. piega il rettangolo a metà per il lungo come nel punto 5 e ripiega i lati da 1,5cm, come nel punto 6

9. per ora cuci a zig-zag SOLO UNO degli orli da 1,5 cm

  • il tuo laccio passerá attraverso questi orli da 1,5cm, quindi fai in modo di cucire il più possible verso l’interno
  • fai diverse cuciture di rinforzo in retromarcia all’inizio e alla fine dell’orlo, per far sì che non si strappi a causa della tensione del laccio

 

10. taglia un pezzo di filo di ferro lungo 15cm

  • ripiega le estremità verso l’interno per evitare che ti pungano la faccia attraverso la stoffa
  • procurati un filo di ferro a prova di ruggine, puoi accertarti se lo sia, facendolo bollire in acqua avvolto con della stoffa e controllando se si arrugginisce

11. infila il ferro nasale all’interno di uno degli orli da 1 cm

  • questo sarà il lembo superiore della tua mascherina
  • l’apertura tra i due strati di stoffa rappresenta la tasca per il filtro

12. cuci il secondo orlo da 1,5cm

13. ritaglia il lato inferiore della tua t-shirt nel senso della larghezza, facendo una striscia di 3cm di spessore

  • prima rimuovi l’orlo inferiore della t-shirt, che non ci serve
  • per aiutarti a tagliare la striscia da 3 cm puoi usare anche un gessetto e una riga per tirare una linea guida

14. tira la striscia per fare in modo che, allungandosi, si arrotoli su sé stessa a formare il laccio

15. fai passare il laccio attraverso l’orlo da 1,5 cm

  • infila una spilla da balia all’estremità del laccio per aiutarti a infilarlo nell’orlo
  • per evitare che la spilla si apra mentre infili il laccio nell’orlo devi rigirare l’estremità con l’apertura verso il laccio e tirare la spilla stringendola dall’altra estremità

16. infila il laccio nel primo orlo prima dal basso verso l’alto e poi nel secondo orlo dall’alto verso il basso

Hai finito! Ora ripeti tutti i passaggi e diffondi le mascherine più che puoi!